väter aktiv

Relazione sulla presentazione online del 2° episodio del film “Nascita di un padre – il padre al parto” con successiva discussione.

La cooperativa sociale “väter aktiv” ha accompagnato i padri nei corsi di preparazione alla nascita e ha organizzato sei tavole rotonde regionali sul tema dei padri intorno alla nascita. Nel marzo 2021, il film documentario “Nascita di un padre” è stato presentato online, seguito da una discussione con padri e professionisti. Il doc-film è un progetto della Scuola vodese di salute (Haute Ecole de Santé Vaud, HESAV) in collaborazione con l’organizzazione ombrello delle organizzazioni svizzere di uomini e padri männer.ch, sostenuta da Promozione Salute Svizzera. 

Prima della presentazione del secondo episodio, la Prof. Yvonne Meyer (HESAV) ha riferito che il motivo del film sono stati gli studi scientifici che hanno dimostrato che da un lato non è facile per i padri intorno alla nascita e che alcuni di loro entrano in stress, dall’altro dimostrano più che chiaramente che gli uomini che sono coinvolti prima, durante e dopo la nascita contribuiscono al miglioramento della salute di tutta la famiglia a breve, medio e lungo termine. Diciotto padri della Romandia (cantone svizzero di lingua francese) con diversi background socio-culturali e 14 professionisti perinatali parlano in interviste delle loro esperienze prima, durante e dopo la nascita in ospedale, in un centro nascita o a casa. Ha osservato come i padri hanno acquisito più fiducia in se stessi quando hanno avuto l’opportunità di parlare della gravidanza, della nascita e del periodo successivo.

Il secondo episodio, “Il padre al parto”, l’8 marzo, riguardava se i padri volevano essere presenti alla nascita del loro bambino, quanto bene si sono sentiti inclusi durante la nascita, in che modo i padri hanno partecipato alla nascita e se hanno sentito che anche loro sono stati accuditi, se hanno avuto un contatto di pelle con il loro bambino subito dopo la nascita e cosa li avrebbe aiutati a vivere la nascita in modo più positivo.

In seguito, Patrick Denicolo del “MIP – Männerinitiative Pustertal” racconta le esperienze legate alla nascita dei suoi tre figli. C’era una grande differenza tra la prima nascita in ospedale e le due nascite in casa. In ospedale non poteva essere presente durante il parto cesareo in sala operatoria, ma dopo poteva tenere il bambino nell’incubatrice. Era sempre presente alle nascite in casa e ha avuto esperienze indimenticabili. 

In seguito, Silvia Rass, ostetrica dell’ospedale di Merano, ha presentato i risultati della sua tesi di laurea sul tema “I padri in sala parto in Alto Adige – a cosa serve? A questo scopo, ha condotto un’ampia ricerca nella letteratura e interviste con esperti. Ci sono stati drastici cambiamenti negli ultimi 50 anni e attualmente i padri sono presenti in sala parto per oltre il 90% delle nascite. Le osservazioni iniziali hanno mostrato che la presenza del padre come avvocato della donna e sostenitore pratico ha un effetto positivo sull’umore della donna in travaglio, accorcia la durata del travaglio, riduce la sensazione di dolore, rafforza la relazione padre-figlio e la coppia, e infine ha effetti positivi a lungo termine sullo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale del bambino. Se le paure non sono riconosciute e prese in considerazione all’inizio della preparazione alla nascita, possono essere trasferite da un partner all’altro durante il parto. Allo stesso modo, i conflitti di coppia dovrebbero essere affrontati in una fase iniziale, ad esempio nel quadro dell’aiuto precoce, in modo che non diventino un fattore di disturbo o un peso durante la nascita. Gli effetti negativi sono causati anche dall’impazienza, dall’aggressività, dalla cattiva gestione del dolore della donna e dalla mancanza di abilità nell’affrontare l’intimità. L’empatia, la disponibilità, la pazienza, l’accettazione di cambiamenti inaspettati, così come l’aiuto nelle decisioni e il sostegno pratico, per esempio attraverso il massaggio, hanno un effetto positivo. Le ostetriche possono ridurre le paure o offrire soluzioni coinvolgendo rispettosamente ed empaticamente entrambi i genitori in attesa attraverso informazioni dettagliate e contribuire a un lavoro di squadra di successo della donna, dell’uomo e dell’ostetrica durante la nascita attraverso la delega dei compiti e la guida professionale.

Dall’area di lingua italiana, Annina Lubbock della rete “Giardino dei padri” di Torino ha riferito sul progetto europeo PARENT (Promotion, Awareness Raising and Engagement of men in Nurture Transformations con partner di Austria, Portogallo e Lituania, nonché l’Istituto Superiore di Sanità e l’Istituto Ricerca intervento salute) che persegue i seguenti obiettivi: lo sviluppo positivo dei bambini; il rafforzamento del benessere di uomini, donne e coppie; la condivisione del lavoro di cura tra i sessi come partner; e la prevenzione della violenza domestica. Questi obiettivi sono raggiunti attraverso la formazione continua del personale medico e infermieristico, gruppi di padri e attività di sensibilizzazione. Nella seconda parte racconta sulle esperienze dei genitori durante il parto in tempi di COVID 19 nell’ambito di un’indagine condotta da ItOSS – Sistema Italiano di Sorveglianza Ostetrica in collaborazione con gli ospedali di Reggio Emiglia, Monza-Brianza, Trieste, Rimini e Trento). Il 49% delle donne non ha avuto un confidente durante il parto, poiché i padri sono stati “declassificati” come assistenti o visitatori nelle varie linee guida e regolamenti delle regioni. Tuttavia, il personale dei servizi. Ciononostante, varie misure sono state adottate dal personale del servizio per coinvolgere i padri intorno alla nascita: ambulatori separati, spostamento delle attività (compresa la sala parto) al piano terra, flessibilità di orario (difficile nel settore pubblico), rotazione dei padri durante il rooming-in, aumento delle visite a domicilio, rapporti sanitari online/visite pediatriche, trasferimento dell’esame ecografico. Alcune di queste soluzioni rimangono valide anche dopo il Corona Lockdown. Link a tutta la presentazione

Nella discussione che segue, Yvonne Meyer indica esempi di buone pratiche nel film, compresi gli spazi per i padri in ospedale e il contatto casa-pelle dei padri con il neonato subito dopo la nascita. Annina Lubbock riporta le sue esperienze nei corsi che offre per medici e ostetriche. A causa di stereotipi di genere profondamente radicati, l’attenzione è soprattutto sulle donne; gli uomini e i loro sentimenti sono spesso un pianeta sconosciuto per i professionisti. 

Alla domanda di Michael Bockhorni sulla disponibilità di camere familiari negli ospedali altoatesini, Mirco Rizzi, responsabile del corso di ostetricia alla scuola professionale provinciale Claudiana, risponde che ce n’è una a Vipiteno, che in periodo Covid è però difficilmente utilizzabile. Sottolinea le possibilità del parto ambulatoriale e del parto a domicilio, nel caso in cui le condizioni di partenza (di salute ed economiche) lo permettano. Spiega che entare subito in una situazione familiare con il bambino, è un aspetto positivo per il padre. Sottolinea anche l’importanza di una buona preparazione ed educazione dei padri affinché possano sostenere attivamente la donna in sala parto. Anche 

Denis Iardino di Alltogether / La Strada di Bolzano sottolinea l’importanza dello scambio tra futuri padri, l’importanza anche per loro di potersi esprimere e confrontare, e l‘importanza della preparazione dei padri alla nascita; sottolinea che è importante sensibilizzare i padri e i servizi alla necessità del coinvolgimento die padri e critica la quasi esclusiva concentrazione dei servizi sulle donne.  Annina Lubbock informa sui gruppi di condivisione e sensibilizzazione dedicati ai padri, i „cerchi dei papà”, in cui padri e “nuovi padri” si scambiano informazioni, così come dei corsi di preparazione alla nascita in cui i genitori vengono preparati sia insieme che separatamente alla nascita e alla genitorialità comune, poiché la paternità attiva è importante per il bnessere dell’intera famiglia. Nei gruppi per i padri si creano spazi dove elaborare emozioni, pensieri e sentimenti e si cerca di promuovere la parità di genere. Per venire incontro alla difficoltosa situazione dettata dall’eemrgenza covid, che in molti casi ha impedito ai padri di essere presenti al parto, sono state idate e messe in atto diverse iniziative per includere i padri, come ad esempio l’organizzazione di ingressi a turni dei papà nelle stanze d’ospedale per vedere i bambini e le madri, distaccando gli ambulatori dall’ospedale, e altro ancora. Inoltre sottolinea che è importante che i padri abbiano uno spazio eslcusivo per loro, solo per padri, per elaborare insieme il loro punto di vista e raccontare i loro vissuti, facendo incontrare futuri padri e neopadri, per condividere emozioni e esperienze. All’ospedale di Ginevra, il personale MenCare offre uno spuntino per i padri per dare loro l’opportunità di parlare di gioie e paure in un’atmosfera rilassata. 

Michael Bockhorni riferisce sui corsi di preparazione alla nascita in Germania che sono condotti o moderati da una donna e un uomo e sui corsi intensivi per “neo padri”, che sono offerti nelle aziende in Svizzera, Germania e Lichtenstein.

Infine, Wolfgang Hainz del Forum Prävention ha presentato il progetto “Frühe Hilfen – Sostegno familiare precoce Alto Adige“. A partire dalla gravidanza fino al terzo compleanno del bambino, ai genitori viene offerto un aiuto facilmente accessibile e su misura, rapidamente e secondo i loro bisogni, attraverso la messa in rete dei servizi del settore sanitario e sociale.

all’intera registrazione online su You Tube